31 Ott 2017
Roberto Pontecorvo con gli altri soci campani di UNESCOgiovani

Obama ha scelto 500 giovani leader mondiali: tra loro Roberto Pontecorvo, socio UNESCOgiovani. Complimenti!

Parlerà con Barack Obama, si confronterà con Michelle e il principe Harry Windsor. Roberto Pontecorvo, 27 anni di Praiano (provincia di Salerno), è uno dei 500 giovani leader mondiali che la Fondazione Obama ha scelto tra più di ventimila domande per “riunirsi, scambiarsi idee e trovare soluzioni a problemi comuni”. Il giovane, che è anche socio UNESCOgiovani impegnato nel gruppo campano (nella foto sotto un momento dell’ultima assemblea nazionale a Napoli), è arrivato ieri a Chicago, pronto per iniziare i lavori. Tutto nasce nel 2013 – come racconta Roberto in una intervista al quotidiano La Repubblica –  da un’idea di sviluppo territoriale per il suo paese, Praiano, in costiera amalfitana. Sono riusciti a trasformarlo in un museo a cielo aperto: chi viene ha un’App e una guida per 150 opere esposte. Il risultato è andato oltre le aspettative. Così ne hanno tratto uno modello di sviluppo territoriale nazionale ed è nato Agenda Tevere, un progetto che coinvolge nella gestione integrata del Tevere tante personalità e le 17 associazioni attive sul fiume.

Roberto ha una laurea triennale in Relazioni internazionali a Forlì, poi un anno di Erasmus a Lione, un master in Studi europei a Siena, ricerca a Cracovia e a Bruxelles. Ora sta completando la magistrale a Siena: manca solo la tesi, sull’impatto del progetto di Agenda Tevere. Così commenta: “Non ho nessuno alle spalle e non ho raccomandazioni. Non chiedevano referenti o recensioni, solo quello che avevamo fatto. Si basano sul progetto, poco sulla persona. L’Italia invece non sa dare il giusto valore all’aspetto artistico e culturale. Bisogna ripartire da lì”.

 

La campagna UNITE4Heritage sostenuta da UNESCogiovani